TUTTO NEWS

Un cerotto a ultrasuoni che controlla la salute dei nostri organi in maniera non invasiva

Il dispositivo è in grado di registrare l'attività di cuore, polmoni e altri organi per 48 ore

Un cerotto a ultrasuoni che controlla la salute dei nostri organi in maniera non invasiva

fonte @MIT (twitter)

Siamo abituati a conoscere il corpo umano, anche al suo interno, grazie a complessi dispositivi ospedalieri, costosi e invasivi. Un'invenzione del MIT potrebbe fotografare l'interno del nostro organismo grazie agli ultrasuoni. Si tratta di uno studio pubblicato su Science che ha sperimentato l’utilizzo di un adesivo grande come un francobollo che, una volta applicato sulla pelle, comunica con un apparecchio mediante le onde sonore provenienti dai nostri organi e vasi sanguigni, registrando immagini di alta qualità. Un metodo non invasivo e sicuro per sapere come stanno i nostri organi. 
Per ovviare al problema, gli adesivi del MIT uniscono uno strato adesivo a una serie di trasduttori rigidi: "Questa combinazione consente al dispositivo di adattarsi alla pelle mantenendo però la posizione dei trasduttori, in modo da generare immagini più chiare e precise", spiega Chonghe Wang, coordinatore dello studio. La parte adesiva è formata da un doppio strato di elastomero  che contiene idrogel, una stostanza elastica e flessibile che non si didisdrata grazie all'elastomero che lo contiene. In questo modo il passaggio delle onde sonore è fluido e le immagini che ne derivanoi sono in alta risoluzione. "La nostra idea è creare dei cerotti che aderiscano a diverse parti del corpo inviando onde direttamente nel nostro smartphone", spiega Xuanhe Zhao, uno degli autori, grazie all'intelligenza artificiale, la lettura si potrebbe fare direttamente da smartphone, comodamente a casa. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su