tutto news

Lavoro: il futuro in Italia è per badanti, camerieri e lavoratori non qualificati

Secondo i dati Istat è boom di badanti, +84,8% dal 2008, mentre calano artigiani e operai, -16,9%.

Lavoro: il futuro in Italia è per badanti, camerieri e lavoratori non qualificati

L’Italia sta lentamente uscendo dalla terribile crisi economica, la peggiore in tempi di pace, che si è verificata nel 2008. A causa della recessione sono stati tantissimi i posti di lavoro persi, il mercato è completamente cambiato e sta oggi seguendo nuovi trend, non molto incoraggianti per i lavoratori qualificati.

Se la ripresa è partita, almeno secondo i dati ufficiali, nel 2014, cioè 3 anni fa, oggi è tempo di fare un quadro della situazione più generale, soprattutto grazie ai dati ISTbAT pubblicati nell’ultimo report. Da questi si evince che in Italia il mercato del lavoro è sì in (lenta) ripresa, ma questa non è affatto omogenea e premia, in un certo senso, la dequalificazione della professione.

Secondi i dati ISTAT infatti artigiani e operai, dal 2008, sono scesi del 16,9%; trend in decrescita anche per le qualifiche tecniche, in calo del 6% mentre è boom per i lavori non qualificati (camerieri, operai semplici, portantini, etc.) con un +23,5%. Si tratta delle cosiddette professioni “esecutive” che stanno dando vita ad una polarizzazione nel campo dell’occupazione: operai qualificati, impiegati di medio livello e addirittura laureati specializzati lasciano il campo ai vari consulenti finanziari, magazzinieri di Amazon, riders di Foodora e camerieri.

In aumento chi si occupa dell’agricoltura, che ha fatto registrare un +3,5% nel 2008 e un +4,88% solo tra il 2015 e il 2016. Ma è il mercato delle badanti quello che sembra essersi definitivamente consacrato, con un +84,8% dal 2008. In crescita anche i lavoratori nel campo della ristorazione e degli alberghi con un +20,3% mentre i giovani laureati possono puntare (solo) sul campo dell’informazione e della comunicazione, per un +8%.

E per quello che riguarda il tipo di contratto? Anche in questo caso le notizie sono poco incoraggianti visto che si preferisce sempre di più il contratto a prestazione e quello a tempo determinato. Dal 2008 i contratti a tempo permanente full time sono diminuiti del 5,9% mentre quelli part time hanno fatto registrare un +35,8%. In crescita quelli a tempo determinato, +6,12%.

Singolare anche il divario tra i sessi che emerge dai dati raccolti: l’occupazione maschile è calata del 4,2% mentre quella femminile è salita del 2,7%. Merito dei cambiamenti del mercato del lavoro, che hanno portato ad una crescita nel campo dell’assistenza alla persona, alla cura dell’anziano, all’ospitalità e alla ristorazione (dove le figure ricercate sono più femminili che maschili), e ad un brusco calo del campo dell’edilizia e dell’industria (settori quasi esclusivamente a occupazione maschile).

Per quello che riguarda il numero di lavoratori stranieri, questo è in crescita del 42,1%, grazie proprio alla sempre maggiore richiesta di lavoratori poco qualificati.

 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 InDaKlubb
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Estate
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Story
 
105 Dance 90
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 HipHop & RnB
 
105 Miami
 
105 2k & More!
 
Zoo Radio
 

Podcast tutti

Playlist tutte