tutto news

Droga e prostitute, gli italiani spendono 19 miliardi l'anno in queste attività illecite

I dati segnalati dall’Ufficio studi della Cgia sono piuttosto allarmanti e le segnalazioni sono in aumento

Droga e prostitute, gli italiani spendono 19 miliardi l'anno in queste attività illecite

Italiani popolo di “fuorilegge”. A quanto pare il Bel Paese fa parlare di sé con un altro primato di cui sarebbe meglio non vantarsi. Di che si tratta?

L’Ufficio studi della Cgia, rileva che gli italiani spenderebbero ben 19 miliardi di euro all’anno in attività illegali. Pensate che all’uso di sostanze stupefacenti, secondo le stime, vanno 14,3 miliardi, alla prostituzione 4 miliardi e i restanti 600 milioni di euro vengono “devoluti” al contrabbando di sigarette.

La crisi? Qui è una perfetta sconosciuta. Questi numeri, che già di per sé non appaiono certo contenuti, sono aumentati di oltre 4 punti percentuali negli ultimi 4 anni.

Il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo commenta con queste parole:

“L’ingente giro d’affari che questa economia produce, costringe tutta la comunità a farsi carico di un costo sociale altrettanto elevato. Senza contare che il degrado urbano, l’insicurezza, il disagio sociale e i problemi di ordine pubblico provocati da queste attività hanno effetti molto negativi sulla qualità della vita dei cittadini e degli operatori economici che vivono e operano nelle zone interessate dalla presenza di queste manifestazioni criminali".

Intanto il segretario della Cgia Renato Mason aggiunge:

“l’Istat include solo le transazioni illecite in cui c’è un accordo volontario tra le parti, come il traffico di droga, la prostituzione e il contrabbando di sigarette e non, ad esempio, i proventi da furti, rapine, estorsioni, usura, etc. Una metodologia, quest’ultima, molto discutibile che è stata suggerita dall’agenzia statistica della Comunità europea che, infatti, ha scatenato durissime contestazioni da parte di molti economisti che, giustamente, ritengono sia stato inopportuno aumentare il reddito nazionale attraverso l’inclusione del giro di affari delle organizzazioni criminali”.

I dati trovano conferma anche nel numero di segnalazioni giunte nell’ultimo periodo all’Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia. Queste ultime fanno registrare un aumento di quasi il 380 per cento. Secondo la Uif, nel 2016 le operazioni sospette ammontavano a 88 miliardi di euro, contro i 97 miliardi di euro circa registrati nel 2015.

In sostanza, il boom di denunce riscontrate tra il 2009 e il 2016 rappresenta un campanello d’allarme piuttosto preoccupante.

A livello regionale la Lombardia (253,5), la Liguria (185,3) e la Campania (167) sono sul podio nella classifica delle regioni con il più alto numero di segnalazioni. Le zone con situazioni più a rischio? Si tratta delle province di confine di Como, Varese, Imperia e Verbano-Cusio-Ossola (oltre 200 segnalazioni ogni 100.000 abitanti).

E dire che eravamo tutti così indignati per il costo dei sacchetti della spesa.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Zucchero
 
105 Dance 90
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Story
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Estate
 
MUSIC STAR Prince
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 2k & More!
 
105 Miami
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Coldplay
 

Podcast tutti

Playlist tutte