tutto news

Cambiano le etichette per pasta e riso: come saranno da oggi

Entrano in vigore i decreti sull'indicazione dell'origine obbligatoria del riso e del grano. Così non potremo più dire “non so cosa mi metto nel piatto

Cambiano le etichette per pasta e riso: come saranno da oggi

 “Voglio sapere cosa mi metto nel piatto”.

Questa frase afferma una richiesta più che legittima.

In quanto consumatori abbiamo tutto il diritto di informarci, di sapere e di avere risposte esaustive circa l’origine dei prodotti che occupano le nostre tavole.

E finalmente entrano in vigore i decreti interministeriali sull'indicazione dell'origine obbligatoria del riso e del grano.

Che significa?

Semplice. Arrivano le nuove etichette che permetteranno a noi consumatori di fare scelte consapevoli.

L’etichetta di origine obbligatoria permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella produzione di pasta e del riso. In questo modo nessuno potrà più farsi beffe di noi, ingannandoci sui prodotti importati e spacciati per “made in Italy”. Ad oggi, un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero, come pure un pacco di riso su quattro.

Ma da oggi si cambia musica!

Come ha dichiarato Coldiretti il 96% dei consumatori chiede che sia scritto sull’etichetta in modo chiaro e leggibile l’origine di tutti gli alimenti. Fino a oggi l’indicazione dell’origine del prodotto era spesso assente e poco chiara e di conseguenza, oltre a ingannare il consumatore, si impediva di sostenere la realtà produttiva italiana e quindi anche l’economia del paese.

È proprio il caso di dirlo: oltre il danno la beffa!

D’ora in avanti sarà tutto diverso e molto più chiaro: secondo quanto stabilito dal decreto, le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno riportare sull’etichetta il nome del Paese nel quale il grano viene coltivato e quello di molitura; potranno inoltre essere utilizzate le seguenti diciture: paesi UE, paesi NON UE, paesi UE E NON UE.

Stessa storia per il riso. Sull’etichetta saranno specificati "Paese di coltivazione del riso", "Paese di lavorazione" e "Paese di confezionamento". E in caso di riso lavorato in più Paesi, possono essere utilizzate le diciture "UE", "non UE", ed "UE e non UE".

Nessuno potrà più ingannarci su un riso straniero che ci viene presentato come italiano.

Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ha dichiarato:

«Finalmente sarà possibile sapere se nella pasta che si sta acquistando è presente o meno grano canadese trattato in preraccolta con il glifosato, proibito sul grano italiano, o se il riso viene dai campi della Birmania sequestrati alla minoranza Rohingya, contro la quale è in atto una pulizia etnica».

Consapevolezza prima di tutto.

Senza dimenticare la bontà.

Buon piatto di pasta a tutti!

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Estate
 
105 2k & More!
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Prince
 
Radio Bau & Co
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Hits
 
105 Story
 
105 Dance 90
 

Playlist tutte