tutto news

Trovata la proteina che provoca la crescita dei tumori grazie a un team italiano

Alcuni studiosi italiani sono riusciti a scoprire la proteina che permetterebbe ai tumori di crescere grazie all’azione dei macrofagi

Trovata la proteina che provoca la crescita dei tumori grazie a un team italiano

Le buone notizie esistono.

E anche dei bravissimi ricercatori che dedicano la propria vita allo studio. E per di più italiani.

E quando si sentono buone nuove sulla battaglia contro il cancro, anche grazie a degli studiosi italiani, possiamo dirci tutti orgogliosi e fieri delle menti brillanti del nostro paese.

Di recente è stata fatta una scoperta che potrebbe segnare una svolta nelle terapie per combattere il cancro.

Sulla rivista Pnas, dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, è stata infatti pubblicata una ricerca condotta da studiosi italiani (e non solo): William Vermi dell’Università di Brescia, Emanuele Giurisato del dipartimento di Medicina molecolare e dello sviluppo dell’Università di Siena e Cathy Tournier dell’università di Manchester.

La scoperta riguarda una proteina che permetterebbe ai tumori di crescere.

Gli studiosi sono riusciti a individuarla e questo di per sé è un grandissimo successo perché (ri)conoscerla potrebbe consentire di bloccare i macrofagi. I macrofagi sono le cellule del sistema immunitario che si alleano col tumore permettondogli di crescere.

Il tutto proprio tramite a una proteina, la ERK3, che va a “riprogrammare” i macrofagi.

L’idea degli studiosi è quella di inibire la proteina ERK3. Se un farmaco riuscisse a eliminarla si potrebbe ridurre il numero dei macrofagi e bloccare di conseguenza l’azione del tumore.

Vanity Fair ha intervistato William Vermi, uno dei responsabili di questa scoperta.

Al giornale Vermi ha dichiarato che per arrivare a questo risultato sono stati necessari due anni di studio in due diversi laboratori: a Manchester, dove lavora Emanuele Giurisato, e all’Università di Brescia, dove lavora lui.

Ha quindi aggiunto:

«Continuiamo a studiare questa proteina, importante nella progressione tumorale, per cercare di analizzare il suo ruolo nei diversi tipo di tumore. Uno dei modelli su cui ci stiamo concentrando è il carcinoma della vescica».

Come anticipato, l’idea degli studiosi è di inibire la proteina. Solo così si potrebbe bloccare l’azione dei macrofagi:

«I macrofagi sono presenti in tutti i tumori, a diversa densità e frequenza. L’idea di usare farmaci contro la proteina ERK3 potrebbe avere un duplice effetto: oltre che sui macrofagi, anche sul sistema immunitario nella sua risposta ai tumori».

Prima sono ovviamente necessari nuovi esami e nuove ricerche. Inoltre è fondamentale comprendere le conseguenze sul corpo umano, l’impatto che gli inibitori possono avere sull’organismo e la loro efficacia clinica.

Tempo fa lo scienziato e premio Nobel Tomas Lindahl aveva ipotizzato che il cancro potesse diventare un disturbo cronico.

Vermi ha quindi dichiarato che:

«Ci sono tumori che vengono trattati con farmaci che modulano la risposta immunitaria: la neoplasia viene avvertita come qualcosa di estraneo, che il nostro sistema può riconoscere e eliminare. Potrà diventare una malattia cronica, ma servono approcci terapeutici multipli e sequenziali che superano varie resistenze, tra cui quella immunitaria».

È bello sentire delle buone notizie.

E quando si tratta di lotta contro il cancro, sono delle splendide notizie.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Classics
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
MUSIC STAR Prince
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 HipHop & RnB
 
105 InDaKlubb
 
105 Estate
 
105 Hits
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Story
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Zoo Radio
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 

Podcast tutti

Playlist tutte