Tutto News

L’obesità accelera l’invecchiamento cerebrale negli over 60: lo rivela uno studio

A quell’età l’attività cerebrale può essere soggetta a un invecchiamento più rapido per colpa dei chili in eccesso.

L’obesità accelera l’invecchiamento cerebrale negli over 60: lo rivela uno studio

L’obesità comporta moltissimi rischi per la salute, problemi che aumentano con l’avanzare dell’età. Un nuovo studio condotto dalla University of Miami Miller School of Medicine ha rivelato che, nello specifico, i chili di troppo metterebbero in serio pericolo gli over 60: a questa età, infatti, l’obesità provoca un’accelerazione dell’invecchiamento cerebrale, che dunque risulta più rapido rispetto a chi, invece, si mantiene nel peso forma.

La ricerca ha dimostrato che, dopo i 60 anni, quando si supera il limite di 25 BMI, ossia l’indice di massa corporea considerato normale, si perde una piccola parte della corteccia cerebrale, circa 0,098 millimetri ogni 10 anni. L’indagine è stata condotta su 1289 volontari americani di età compresa tra i 60 e i 64 anni, dei quali 347 sono normopeso, 571 in sovrappeso e 372 obesi e con un indice di massa corporea superiore a 30. In questi ultimi è stato notato questo precoce invecchiamento dell’attività cerebrale.

Secondo i ricercatori, dunque, se mantengono un peso ottimale, le persone avanti con l’età possono non solo rallentare il declino cognitivo e diminuire le possibilità di essere affette da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, ma possono anche preservare attività cognitive come la memoria, la concentrazione e il linguaggio.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

Zoo Radio
 
105 Miami
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 InDaKlubb
 
105 Classics
 
105 Hits
 
Radio Bau & Co
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Michael Jackson
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Trap
 
105 Estate
 
105 HipHop & RnB
 
105 Dance 90
 
105 Story
 

Playlist tutte