Tutto News

A Massa vietati gli abiti provocanti, è polemica: Alessandro Gassman protesta

Il tweet dell’attore ha scatenato una vera e propria bufera sui social. Anche Fiorella Mannoia si schiera ma il sindaco e il vicesindaco rispondono per le rime.

A Massa vietati gli abiti provocanti, è polemica: Alessandro Gassman protesta

Credits: Facebook

A Massa (MC) l’amministrazione comunale ha disposto il divieto per le donne di indossare abiti succinti: le nuove disposizioni sono state approvate lo scorso 25 luglio e hanno scatenato le proteste di molti, tra i quali anche quelle di Alessandro Gassman.

L’attore disapprova la norma ritenendola eccessiva e per questo ha manifestato il suo dissenso tramite un tweet che sta facendo molto discutere in queste ore: “Il nuovo regolamento del Comune di Massa – si legge nel post – prevede multe per chi mendica e per le donne che vestono in modo provocante... #ricoveratelasindaca”.

È proprio l’hashtag lanciato da Gassmann ad aver scatenato un vero putiferio sui social. In realtà, tra l’altro, a Massa c’è un sindaco e non una sindaca, ovvero Francesco Persiani ed è proprio lui che ha replicato all’attore: “Sono stati strumentalizzati alcuni termini contenuti nell'atto – ha risposto il primo cittadino - attribuendogli un significato ed una valenza arbitraria frutto di un'interpretazione distorta”.

Oltre a Gassman, anche Fiorella Mannoia ha criticato la decisione dell’amministrazione comunale: “Vietare 'Abbigliamento che possa indurre a pensare di essere una prostituta'? Ma stiamo scherzando? Ditemi che è uno scherzo, vi prego! - ha scritto la cantante - Ma i cittadini di Massa accettano tutto questo? Io non credo”.

Il tweet dell’attore e anche quello della cantante sono stati condivisi da tantissimi fan e follower e quindi la vicenda ha scatenato la polemica. “Sorprende che le critiche vengano oltremodo amplificate da persone, quali Alessandro Gassmann e Fiorella Mannoia, che seppur famose nel mondo dell'arte e dello spettacolo, non appaiono certamente i soggetti più idonei a giudicare la bontà dei regolamenti comunali – ha replicato ancora il sindaco - Ci spiace che si stiano strumentalizzando iniziative regolamentari che vanno nella direzione di un miglior funzionamento del controllo e della vigilanza della città facendo assurgere a cronaca nazionale opinioni non soltanto infondate o non rispondenti al vero, ma soprattutto lesive dell'immagine di questa amministrazione e della città di Massa. Per tale motivo, non mancheremo di valutare attentamente i singoli commenti e dichiarazioni, da chiunque provengano, e se ritenuti sussistenti i presupposti di legge, verranno segnalati all'Autorità giudiziaria a tutela dell'immagine della città”.

Anche il vicesindaco di Massa, Andrea Cella, ha espresso la sua opinione in merito alla faccenda, rispondendo così su Facebook: “Che un attore famoso spari sentenze a casaccio senza nemmeno informarsi, è veramente troppo. Caro Alessandro Gassman, noi cerchiamo di contrastare i reati di prostituzione e l'accattonaggio molesto per tutelare i cittadini e la convivenza civile. Fai l'attore, va! – ha detto, per poi concludere - Se proprio ti sta a cuore il nostro regolamento, passa di qua che te lo spiego meglio, così la prossima volta non fai figuracce”.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Vasco
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 Story
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Michael Jackson
 
105 Trap
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Hits
 
Radio Bau & Co
 
105 Dance 90
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Classics
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Elisa
 
XMas Radio
 
105 Miami
 

Playlist tutte