Tutto News

Torna la truffa delle telefonate mute dalla Tunisia: ecco cosa fare

Questa truffa può arrivare a prosciugare il credito delle vittime.

Torna la truffa delle telefonate mute dalla Tunisia: ecco cosa fare

In questi giorni è tornata a mietere vittime la truffa delle chiamate mute dalla Tunisia. Di questa truffa si è parlato per la prima volta diversi anni fa e sembrava ormai un problema definitivamente risolto, ma i fatti dimostrano che le cose non stanno così.

Si tratta di telefonate che arrivano appunto dalla Tunisia, riconoscibili per il prefisso +216 del chiamante. A volte si tratta semplicemente di uno squillo e la vittima trova la notifica di chiamata nell'elenco delle chiamate perse. La truffa si avvia quando l'utente risponde alla chiamata o quando, presa dalla curiosità, richiama il numero che ha trovato tra le chiamate perse.

Si tratta infatti di numeri a pagamento che prosciugano il conto telefonico della vittima a vantaggio del truffatore con costi che si aggirano anche intorno a 1,50 euro al secondo.

Evitare la truffa è semplice: basta non rispondere alla chiamata e, ovviamente, evitare di richiamare il numero che si trova tra le chiamate perse. Ma sottrarsi all'inganno diventa complicato quando si è poco pratici di smartphone.

In questo caso le soluzioni sono diverse: si possono disattivare le chiamate internazionali in uscita o deviare automaticamente in segreteria i numeri sconosciuti. Questi rimedi interferiscono però anche con le chiamate legittime.

In alternativa è possibile installare app (come "TrueCaller" e "Dovrei Rispondere") che, collegate a database di utenti, intercettano automaticamente i numeri truffaldini, evitando che il telefono squilli.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Michael Jackson
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Vasco
 
MUSIC STAR Elisa
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Hits
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Story
 
105 Classics
 
105 Miami
 
105 Dance 90
 
105 Trap
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 2k & More!
 
105 InDaKlubb
 
Zoo Radio