Video intervista

Alessandro Borghi presenta "Sulla Mia Pelle" a 105 Mi Casa: "Non ero certo di voler fare il film"

Ospite di Max Brigante, l'attore romano ha parlato della sua interpretazione di Stefano Cucchi nel film presentato all'ultima Mostra del Cinema di Venezia.


A 105 Mi Casa c'era uno dei personaggi del momento: Alessandro Borghi. Con la sua interpretazione di Stefano Cucchi nel film Sulla Mia Pelle, l'attore romano ha riacceso il dibattito su uno dei casi della cronaca nera italiana più torbidi degli ultimi anni. Nel lungometraggio diretto da Riccardo Milani e presentato alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia vengono narrati gli ultimi giorni di vita di Stefano, dal suo arresto per detenzione di sostanze stupefacenti avvenuto il 15 ottobre 2009, alla sua morte nel carcere Regina Coeli, dove si trovava in custodia cautelare, il 22 ottobre seguente.

Ospite di Max Brigante, Borghi ha ripercorso la genesi del film parlando delle sue sensazioni e commentato l'accoglienza positiva di questo lavoro: "Avevo la percezione che stavamo facendo qualcosa di molto importante e bello per tutti. Dopo sono stato felice. Non faccio parte di quella categoria di attori che dicono ' oddio, non riesco a rivedermi, non mi piaccio mai'. Quando succede qualcosa di bello, ne sono contento. Questa è stata una di quelle occasioni". 

Il caso di cronaca lo aveva colpito fin da subito: "Il caso era molto dentro di me. Seguo il caso Cucchi da quando è accaduto praticamente. Ricordo perfettamente il giorno in cui Ilaria ha deciso di rendere pubblica la foto di Stefano. Da quel giorno ho avuto una percezione molto strana. L'ho seguita negli anni man mano in maniera crescente. Ed è per questo che quando mi hanno proposto di fare il film non ero assolutamente certo di volerlo fare".

Il timore era che l'eccessivo coinvolgimento nella vicenda pregiudicasse la sua performance: "Io non avevo bisogno che la rabbia di Alessandro Borghi entrasse dentro la rappresentazione di Stefano. Non avevo questa sicurezza. Quando ho letto la sceneggiatura ho capito che questo rischio era ridotto a zero, perché era intelligente, rigorosa, onesta. Quindi ho detto 'facciamolo, possiamo usare il cinema per raccontare questa storia'. Ho trovato che fosse bellissimo". 

Per interpretare Cucchi, l'attore ha perso ben 18 chili: "È stata un'esperienza incredibile. Io sono un curioso-morboso. Ogni volta che mi chiedono di fare qualcosa che non conosco, devo farla a prescindere. Questo rientra in quel settore". 

Sulla Mia Pelle ha spinto molte persone a prendere una posizione sul caso: "È la cosa più meravigliosa che sta accadendo in questi giorni. Non era scontato. L'Italia è un paese complicato in questo. A volte le persone tendono a pensare che sia meglio farsi gli affari propri. Invece, questo è un caso in cui tutti quanti vogliono strillare la propria posizione. Trovo sia una conquista meravigliosa per il cinema e per il nostro Paese". 

Una soddisfazione ancora maggiore per Borghi, da sempre contrario all'abitudine di etichettare le persone senza conoscere la loro storia: "Credo che ognuno di noi abbia una storia diversa. Quella di Stefano è la storia di un ragazzo che ha fatto tantissimi errori. Abbiamo cercato di ridurre a zero il pericolo de beatificazione, di santificazione di Stefano. Non era quello di cui avevamo bisogno. Volevamo raccontare una storia e renderla fruibile a tutti. Quello che sta succedendo è magico". 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Hits
 
105 Trap
 
105 2k & More!
 
105 Story
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Classics
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Zoo Radio
 
105 HipHop & RnB
 
Webradio 105 Rap Italia
 
Radio Bau & Co
 
105 InDaKlubb
 
105 Dance 90
 

Playlist tutte