TUTTO NEWS

Un video della polizia ha ripreso Gabby Petito subito dopo una lite con il fidanzato

Sono le ultime immagini della blogger trovata morta pochi giorni fa

La polizia di Moab in Utah ha diffuso il filmato di una bodycam indossata da un agente che è intervenuto in seguito alla segnalazione di una lite violenta di cui erano protagonisti proprio Gabby Petito e il fidanzato Brian Laundrie. La chiamata è arrivata da un uomo che ha visto i due litigare in maniera accesa. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno fatto scendere prima Gabby dal van che ha raccontato la sua versione dei fatti: "Abbiamo litigato stamane per problemi personali". E poi continua: "Da alcuni giorni ho davvero un brutto disturbo ossessivo compulsivo, pulivo e mi stavo scusando con lui, sono così cattiva a volte e mi sento frustrata". Quindi sarebbe stata lei ad alazare le mani su di lui che in effetti ha alcuni segni sulla faccia, visibili nel video. Interrogato dallo stesso agente anche lui conferma la versione di Gabby; Brian sarebbe entrato su furgone con i piedi sporchi e questo avrebbe scatenato l’ira della ragazza, "È la mia fidanzata e la amo, era solo un litigio. Mi dispiace che sia diventato tutto pubblico", ha dichiarato poi Brian all’agente.
Quella notta la polizia decide di separare i due per far sbollire la situazione, lei rimane nel furgone mentre lui va a dormire in albergo. Un mese dopo arriva la denuncia dei genitori di Gabby della sua scomparsa e solo pochi giorni fa il ritrovamento del cadavere in un bosco del Wyoming. Lui, dopo essere tornato da solo dal loro viaggio, risulta oggi irreperibile. Un bel mistero, ma il video dimostra che la realtà non è rosea come quella mostrata dai due blogger su Instagram. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su