Music Biz

Sfera Ebbasta contro gli stereotipi sulla trap: "Diventa presto sinonimo del male"

Il trapper si è sfogato durante un'intervista.

Sfera Ebbasta contro gli stereotipi sulla trap: "Diventa presto sinonimo del male"

Sfera Ebbasta è uno dei trapper più popolari del momento: tutti lo conoscono, che sia nel bene o nel male.

Da poco proclamato giudice vincitore dell'ultima edizione di X Factor, dove ha trionfato la sua concorrente, Sofia, il trapper si è sfogato, durante un'intervista a Vanity Fair, parlando della facilità con cui le persone, spesso, stereotipano la musica trap: "Purtroppo, nel gergo comune, la trap è male o si confonde in un generico che fa di tutta l’erba un fascio: diventa presto sinonimo sbagliato di sesso, droghe, fumo, devianze" ha detto Sfera, spiegando che sì, questo genere di musica non esclude nessun argomento, ma dipende dal modo in cui se ne parla: "Ora, è vero che la trap non esclude niente, ma è anche vero che non include tutto."

Sfera è un trapper, ma non per questo significa che viva uno stile di vita malsano o che non ci tenga a curare il proprio corpo o se stesso: "La gente non se lo immagina proprio, che non ho uno stile di vita malsano: vado in palestra, sto attento a quello che mangio. Che, insomma, crescendo mi sto regolarizzando."

Il trapper ha recentemente collaborato con Shiva in Soldi in nero, di cui è stato pubblicato anche il video ufficiale.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su