Music Biz

Rettore-Ditonellapiaga e quella battuta sulle suore

In gara a Sanremo: “Siamo le più spudorate”.

Rettore-Ditonellapiaga e quella battuta sulle suore

Rettore e Ditonellapiaga - foto di Chiara Mirelli

“Siamo le più spudorate” dicono senza mezzi termini Donatella Rettore e Ditonellapiaga, che si presentano in gara al prossimo Festival di Sanremo con il brano “Chimica”. Fra corpi che si intrecciano e mani sulle cosce, il pubblico dell’Ariston e soprattutto quello da casa, c’è da scommetterci, batterà le mani. Gli anni ’80 e l’urban, proprio come le due artiste figlie di diverse generazioni, si abbracciano e trovano un equilibrio. A strappare un sorriso, ma potenzialmente anche ad alzare qualche polemica, un pezzo del testo: "Non mi importa del pudore, delle suore me ne sbatto totalmente", canta la voce di ‘Kobra’.

L’artista ha voluto spiegare il perché di questo passaggio: “Sono stata cresciuta dalle suore – racconta con il sorriso Rettore – con questa canzone mi sono rifatta di tutto quello che ho subito dal loro. Mi hanno educata con calci in culo e ceffoni, ma anche con morbide carezze. Da loro ho imparato il galateo e ad apparecchiare la tavola, ma ho dimenticato tutto. Ricordo sempre con grande affetto suor Esterina, ma la curia non mi ha più permesso di incontrarla”. Ecco il motivo: “Le avevo chiesto di venire a raccontare la mia infanzia durante una trasmissione, era stata contattata proprio dagli autori del programma. Ma la curia non lo permise. Erano gli anni in cui a ‘Quelli che il calcio’ condotto da Fabio Fazio c’era una suora scalmanata che tifava Lazio. Lei sì, suor Esterina che parla di me in tv no. Mah…”.

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su