TUTTO NEWS

Barbados diventa repubblica e dice addio alla Regina

La prima presidente della Repubblica più giovane del mondo è Sandra Mason

Barbados diventa repubblica e dice addio alla Regina

Barbados è famosa per essere una perla del mare dei Caraibi, da oggi non sarà più un’isola assoggettata al dominio inglese, ma una Repubblica parlamentare e indipendente. La Regina Elisabetta II non sarà più il capo di stato di questo luogo ameno, ma al suo posto ci sarà la presidente Sandra Mason, eletta a ottobre a suffragio universale diretto.
Il Principe Carlo ha assistito alla cerimonia di insediamento della nuova presidente, nonostante le proteste dei locali. Il rappresentante della Casa Reale Inglese ha poi preso la parola per scusarsi delle colpe del colonialismo: “Dai giorni più bui del nostro passato e dalla spaventosa atrocità della schiavitù, che macchia per sempre la nostra storia, la gente di quest’isola ha forgiato il suo cammino con straordinaria forza d’animo“, ha detto il principe. La cerimonia è stata guidata dalla prima ministra Mia Mottley, cerimonia culminata nel giuramento avvenuto a mezzanotte del 30 novembre. In centinaia hanno seguito l’evento dal Chamberlain Bridge nella capitale e hanno accolto con un fragoroso applauso i 12 colpi di cannone sparati per festeggiare sulle note dell’inno nazionale. “La Repubblica di Barbados è salpata per il suo viaggio inaugurale. Il nostro Paese deve sognare grandi sogni e lottare per realizzarli“, ha detto l’ex governatrice generale Sandra Mason. Infine la prima ministra Mia Mottley ha fatto rimuovere da una piazza della città, la statua di Horatio Nelson, eroe navale britannico e noto difensore della tratta coloniale degli schiavi. Barbados è la più giovane repubblica del mondo; ora inizia la sua nuova storia. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su