Tutto News

Ylenia Carrisi è viva: rivelazione shock di un detective di New Orleans

Riaperto il caso della figlia di Al Bano e Romina, la rivelazione di un detective ha gettato nuova luce sulla vicenda della ragazza scomparsa 25 anni fa

Ylenia Carrisi è viva: rivelazione shock di un detective di New Orleans

La rivelazione di un detective di New Orleans ha gettato nuova luce sulla vicenda della ragazza scomparsa 25 anni fa

Ylenia Carrisi sarebbe viva e sarebbe stata rintracciata da un detective di New Orleans. Dopo 25 anni sembra che il caso della sparizione della figlia di Al Bano e Romina sia tutt'altro che chiuso. Il magazine tedesco Frau Aktuell ha raccolto la dichiarazione di un poliziotto che dice: “Ylenia Carrisi è viva. Abbiamo nuovi indizi su dove si trovi ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, visto che l’indagine è ancora in corso”.

L’ultimo contatto di Ylenia con la sua famiglia risale al 31 dicembre 1993: all’epoca la ragazza aveva 23 anni. In quel periodo era impegnata in un viaggio in solitaria tra Belize, Sud America e New Orleans. Aveva allacciato una relazione sentimentale con il trombettista Alexander Masakela, noto per un passato di abusi sessuali e droga. Secondo i genitori fu lui a plagiarla e ad allontanarla dalla sua famiglia. Dopo un ultimo contatto con la famiglia, il 6 gennaio 1994 la ragazza ha fatto perdere le sue tracce. Da allora le voci sul suo destino si sono rincorse senza sosta, disegnando scenari molto diversi tra loro. Al Bano, è convinto che la figlia sia morta, tanto da aver chiesto e ottenuto nel 2014 una dichiarazione di morte presunta. Al contrario la madre, Romina Power, ritiene invece che Ylenia sia viva.

Secondo Albert Cordova, guardiano notturno dell'Audubond Aquarium of the Americas, una ragazza bionda si sarebbe gettata nel fiume Mississipi il 6 gennaio 1994. In quell'occasione la giovane avrebbe detto: "Io appartengo alle acque", una frase che i genitori le ricordano pronunciare fin da bambina. Ma i corpi ripescati dal fiume non provarono mai questa teoria. Nel 1996 il serial killer Keith Hunter Jesperson, conosciuto anche con il nome di Happy Face Killer, affermò di aver ucciso Ylenia Carrisi, aggredendola durante un passaggio in autostop. Ma i test del Dna non confermarono mai la teoria. Infine nel 2011 il settimanale tedesco Freizeit Revue pubblicò un’intervista al capo della polizia di New Orleans, secondo cui Ylenia Carrisi sarebbe viva e si troverebbe a Sant’Anthony: sarebbe entrata a far parte di un convento greco-ortodosso di Phoenix, in Arizona.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 Dance 90
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Estate
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Classics
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Ligabue
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Story
 
105 2k & More!
 

Playlist tutte