tutto news

Rincari su bollette e pedaggi per il nuovo anno

Una stima Adusbef prevede un aumento di 952 euro a famiglia. A lievitare saranno soprattutto i prezzi del gas e dell'energia elettrica.

Rincari su bollette e pedaggi per il nuovo anno

Pensavate di iniziare il nuovo anno con una ventata di prosperità e ottimismo?

Bene, rinunciateci. Mangiare una vagonata di lenticchie non vi servirà per assicurarvi un conto in banca più florido dell’anno passato, quindi anche questa volta vi tocca consolarvi col cotechino.

Nel 2018, infatti, si prevede un aumento di tariffe, bollette, pedaggi e chi più ne ha più ne metta.

Per i già tartassati italiani, l'Adusbef ha stimato circa 591 euro di rincari in arrivo, ma si sale a 952 euro se teniamo conto anche delle spese extra per i prodotti di consumo. Quante gioie per le famiglie italiane!

"Il nuovo anno è alle porte ma a giudicare dai primi segnali sul fronte dei prezzi nulla di buono aspetta i consumatori italiani, che nel 2018 subiranno la consueta stangata di prezzi e tariffe che toccherà quota +952 euro annui, per una famiglia media, con il traino verso l'alto di trasporti, alimentazione, Rc Auto, servizi bancari, Tari (invece di essere restituita dato l'errato calcolo), i prodotti per la casa, le spese per la scuola, le tariffe professionali" dichiarano dall’associazione a difesa dei consumatori.

Per 22 milioni di famiglie dal 1 gennaio 2018 è previsto dunque un importo più salato su bollette della luce, come segnalato dal Governo e dall'Autorità per l'energia. Tutta colpa  del processo di riforma delle tariffe.

Sempre secondo Adusbef, elettricità e metano peseranno sulle nostre tasche ben 68 euro in più, mentre per l'acqua si parla di un aumento di 45 euro. L'associazione ha individuato anche rincari medi di 25 euro per le assicurazioni auto, +40 sui pedaggi autostradali, +97 sugli altri costi di trasporto.

Non viaggeremo più? Tranquilli, ce n’è per tutti:  la Tari sale di 49 euro, le tariffe professionali e artigianali fanno registrare un bel +156, mentre i ticket sanitari aumentano di 55 euro.

E per finire c’è anche un +18 per le tariffe postali e +38 euro per quanto concerne i costi bancari.

Interviene anche Nomisma Energia a preannunciare un rincaro sulle bollette: +5% sarà applicato sulle tariffe del gas dal mese di gennaio e un +3,5% su quelle della luce. Bene ma non benissimo.

Il presidente Tabarelli ha spiegato i rincari in questi termini:

"Prevediamo un 2018 di greggio in rialzo e una forte carenza di petrolio sul mercato entro un anno o due. Negli anni di vacche magre fra il 2014 e il 2016 gli investimenti in trivellazioni sono scesi del 60% e questo causerà una crisi dell'offerta. Oltretutto la finanza torna a investire su petrolio e materie prime, che hanno prezzi bassi rispetto alle medie storiche, mentre le Borse sono ai massimi. In questo momento la finanza globale può investire solo in Bitcoin o in petrolio, e questo amplierà la fluttuazione al rialzo sul prezzo del barile".

Conviene rinunciare a qualche tombolata e nascondere gli  ultimi spiccioli sotto il cuscino. Ma di dormire sereni non se ne parla.

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 2k & More!
 
105 Hits
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Miami
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Zucchero
 
MUSIC STAR Elisa
 
Zoo Radio
 
105 Story
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
105 Estate
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Jovanotti
 

Podcast tutti

Playlist tutte