TUTTO NEWS

La Spagna è il primo paese a vietare il fumo in spiaggia

Dal 23 dicembre è prevista una multa di 2000 euro per chi fuma al mare

La Spagna è il primo paese a vietare il fumo in spiaggia

Fino a fine dicembre, il divieto di fumo in spiaggia esisteva solo in alcune zone: a Barcellona e nelle isole Canarie. Dal 23 dicembre è scattato il divieto di fumo in spiaggia su tutto il territorio nazionale spagnolo. A dare il la al provvedimento è stata una petizione nazionale che ha raccolto ben 283.000 firme, trovando il consenso generale.
Secondo uno studio pubblicato dall’European Environment Agency le sigarette sono infatti tra gli elementi che inquinano maggiormente le spiagge: contaminano gli ecosistemi e rischiano di essere ingeriti dalla fauna marina. Chi non rispetta il divieto di fumo rischia 2.000 euro di multa.
In Italia il diviesto di fumo in spiaggia esiste solo in alcune zone, sulle coste sarde, ad esempio, mentre in Francia è vietato fumare lungo la Costa Azzurra e in Corsica (in spiaggia).
Per quanto riguarda la Spagna, la stretta sul fumo è stata generale: il Governo ha infatti deciso di vietare il fumo all’aperto negli spazi pubblici se la distanza che si può garantire tra le persone non è almeno di 2 metri. In Galizia la situazione è ancora più drastica, non è infatti consentito fumare per la strada e neppure nei bar o nei ristoranti.
Se un tempo era impensabile vietare il fumo dentro i locali ed è velocemente successo, c’è da scommettere che i divieti sul fumo saranno sempre più estesi e naturali per tutti, anche all'aperto. 


 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su