TUTTO NEWS

Dagli Usa arriva l’enzima che in pochi giorni decompone la plastica

Si tratta di un processo che rivoluzionerebbe lo smaltimento del PET

Dagli Usa arriva l’enzima che in pochi giorni decompone la plastica

Un progetto di ricerca dell’Università del Texas ha creato in laboratorio un enzima che può decomporre la plastica in pochi giorni. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature, e descrivono una proteina capace di separare gli elementi che compongono il PET, il polietilene tereftalato che compone il 12% dei rifiuti globali. Si tratta di un processo di depolimerizzazione: un catalizzatore separa le componenti della plastica nei loro monomeri originali, che a questo punto possono poi essere riaccoppiati per formare plastica vergine e diventare altri prodotti. La decomposizione nei test è avvenuta in una sola settimana, un risultato rivoluzionario considerando quanto tempo è invece necessario per la decomposizione della plastica in maniera “naturale”. L’esperimento texano arriva dopo anni di tentativi simili, fatti con enzimi derivati da batteri esistenti, ma che avevano efficacia limitata e dipendente dal contesto. La variante elaborata in Texas, denominata FAST-PETase, riesce invece a decomporre 51 tipi di PET in diversi ambienti e scenari. Il grosso vantaggio di questo metodo di decomposizione e ricomposizione della nuova plastica è che non serve altro petrolio per creare della plastica praticamente “vergine”. Questa scoperta potrebbe dare importanti vantaggi al ciclo di smaltimento della plastica, uno dei rifiuti più inquinanti al mondo. 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su