tutto news

Palermo: “Sono stato cacciato da un bar perché sono nero”

Il protagonista di questa vicenda è Yacoub Said, un ragazzo di 20 anni, che è stato cacciato da un bar a causa del colore della sua pelle

Palermo: “Sono stato cacciato da un bar perché sono nero”

Della serie “non c’è fine al peggio”.

Qualche giorno fa a Palermo, a due passi dal teatro Massimo, un ragazzo è stato costretto a lasciare un bar.

Il cameriere gli ha intimato di andarsene.

Aveva forse rubato qualcosa?

Aveva dato fastidio a qualcuno?

Nossignore. Aveva un’unica “colpa”: il colore della sua pelle.

Yacoub Said ha 20 anni ed è originario del Camerun ma vive a Palermo da moltissimi anni e ama la sua città.

Ma qualcuno non ama lui e ha pensato bene di cacciarlo dal bar perché di colore.

È lo stesso Yacoub a denunciare l’accaduto sulla sua pagina Facebook:

«Sono stato cacciato fuori da un bar a Palermo perché sono nero e un nero non si può permettere di sedersi perché secondo il Signore tutti i neri sono dei mendicanti che chiedono l'elemosina».

E aggiunge:

«Mi sento sdegnato dopo che ho vissuto in questa città per tanti anni e quello che ho fatto per questa città, grazie».

Yacoub è un ragazzo gentile e discreto e, come specifica, di solito non scrive mai di sé:

«Non mi è mai piaciuto scrivere le mie cose su Facebook ma vorrei approfittare di questo momento per denunciare un atto di discriminazione razziale o il razzismo nei miei confronti e nei confronti di chi subisce e non parla mai è ora di dire basta».

Per fortuna questa volta ha avuto la forza di parlare perché simili azioni non possono essere taciute.

In un’intervista all’Adnkronos ha dichiarato:

«Ho girato tutta l'Italia e Palermo è una delle città più accoglienti e calorose del Paese. Qui tutti sono amici di tutti ed è anche per questo che questa città mi è piaciuta e ho deciso di restarci. Qui mi sento a casa e non ho mai avuto nessun problema. Palermo non è una città razzista, i palermitani sono persone di cuore, ma c'è sempre qualcuno, uno o due persone, che possono avere questi atteggiamenti. E' una questione di ignoranza, di non conoscenza del diverso».

E poi racconta l’accaduto:

«È accaduto qualche giorno fa i miei amici, tutti ragazzi italiani, erano seduti al bar e avevano già consumato. Io li stavo raggiungendo per chiacchierare un po' e prendere un caffè, ma appena sono arrivato ho sentito una voce alle spalle che mi ha detto: 'Esci'. Mi sono girato e ho chiesto: 'Sta parlando con me?', 'Sì, deve uscire' mi è stato risposto. Mi sono avvicinato al cameriere e ho chiesto spiegazioni ed è stato allora che mi è stato detto: 'Perché c'è gente che viene qui a chiedere l'elemosina'". Ho raggiunto i miei amici e ho detto loro: 'I neri non possono entrare in questo bar perché sono tutti mendicanti, quindi se vogliamo continuare a parlare dobbiamo uscire'. A quel punto i titolari del bar mi hanno chiesto scusa e avrebbero voluto offrire la consumazione ai miei amici, ma io mi sono impuntato, ho pagato e sono uscito».

Il gestore del bar si è poi scusato con Yacoub spiegando il malinteso ma ormai il danno era fatto.

Yacoub è iscritto all’Università, lavora per Amnesty International e ha fondato un’Associazione insieme agli amici che si chiama “Arte Migrante” per creare un punto d’incontro tra gente di tutto il mondo.

Lui è aperto al mondo e generoso.

Ama moltissimo Palermo e non ha alcuna intenzione di andarsene. Anzi, vuole restare affinché le cose cambino.

Bravo, Yacoub, noi siamo con te!

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

MUSIC STAR Elisa
 
Webradio 105 Rap Italia
 
MUSIC STAR Prince
 
105 Dance 90
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 Story
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 InDaKlubb
 
105 Hits
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 2k & More!
 
Zoo Radio
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Coldplay
 
Radio Bau & Co
 
MUSIC STAR Ligabue
 
MUSIC STAR Vasco
 

Podcast tutti

Playlist tutte