Music Biz

Le foto di Jovanotti a 105 Friends

Ospite di Tony & Ross, il cantautore romano ha parlato del suo nuovissimo album "Oh, Vita" e di tutte le iniziative collaterali organizzate per il suo lancio.

Jovanotti a 105 Friends! Tony & Ross hanno ospitato l'artista italiano del momento, l'eterno ragazzo Lorenzo Jovanotti. Il 1° dicembre è arrivato il suo nuovo album "Oh, Vita", disco anticipato dall'omonimo singolo e accompagnato da un sacco di iniziative collaterali che hanno trasformato questa nuova uscita discografica in uno degli eventi più attesi della fine del 2017.

Non a caso lo scorso 1° dicembre è stato ribattezzato Jova Day: oltre al disco, il cantautore romano ha inaugurato il "Jova Pop Shop", temporary shop aperto in piazza Gae Aulenti a Milano, ha pubblicato "Sbam!", libro a metà tra un diario di bordo che racconta la genesi del disco e una rivista ("una festa letteraria" l'ha definita lui); infine, è uscito un film sulla lavorazione del suo album, proiettato solo il 1° dicembre in una quarantina di cinema italiani.

Un disco spiazzante lo hanno definito Tony & Ross: "Spiazzare fa parte del mio lavoro - ha replicato Jova -, altrimenti farei il geometra. Questo è uno dei dischi più belli della mia vita. O perlomeno è uno dei dischi che mi è capitato di fare in cui mi sono sentito all'inizio di una storia. Volevo questo, cercavo questo ed è accaduto". 

Dopo il mastodontico "Lorenzo 2015 CC.", precedente disco composto da ben 30 pezzi, per "Oh, Vita" Lorenzo ha voluto sottrarre in termini quantitativi e aggiungere molto in termini di intensità. E il lavoro in questo senso accanto a un produttore di fama mondiale come Rick Rubin si sente: "Dal punto di vista artistico è una delle cose più incredibili mai successe. È un disco di canzoni, non di 'ideuzze' e di slogan. Rubin mi ha portato verso di me". Un ruolo quello di Rubin che ricorda quello avuto da Claudio Cecchetto, il produttore dietro a idee di "Gimme Five" e "Ciao Mamma", all'inizio della sua carriera: "Claudio è stato generosissimo nei miei confronti". 

Forse anche per questo assomiglia molto ai suoi dischi degli anni '90: "C'è un istinto molto forte, è un disco fatto in maniera volutamente rapida, come facevamo i dischi all'epoca. Come hashtag potrei dire #PochePippe. È un disco che va al sodo". All'interno di "Oh, Vita" si sente l'influenza di un certo Adriano Celentano: "Celentano è un mio punto di riferimento: quando faccio una canzone in cui c'è una melodia penso sempre a come la canterebbe lui". Un'influenza che è presenta dai tempi di "Ragazzo Fortunato": "Non ero abituato a cantare, facevo rap io. Quindi mi chiedevo 'come si fa a cantare?'".

Jovanotti ci ha spiegato anche come si sta preparando per l'impegnativo tour che lo attende nel 2018: un po' di lavoro aerobico, degli esercizi molto simili al Crossfit e anche un po' di Pilates. Nei prossimi appuntamenti live probabilmente "Oh, Vita" avrà poco spazio: "Del disco nuovo non so quanti pezzi farò dal vivo. Per questo nuovo tour che faremo nei palasport l'idea è di fare un festone". 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

Webradio 105 Rap Italia
 
105 2k & More!
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 InDaKlubb
 
MUSIC STAR Prince
 
MUSIC STAR Tiziano Ferro
 
105 Story
 
Radio Bau & Co
 
Zoo Radio
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Pino Daniele
 
MUSIC STAR Vasco
 
105 Dance 90
 
105 Classics
 
MUSIC STAR Coldplay
 
MUSIC STAR Zucchero
 
105 HipHop & RnB
 

Podcast tutti

Playlist tutte