TUTTO NEWS

La vera storia di Mimì e la nazionale di pallavolo ora è un documentario

“Le streghe d’Oriente” racconta la nascita della nazionale nipponica che vinse Tokyo 1964.

Il regista del documentario “Le streghe d’Oriente” è il francese Julien Faraut che racconta la nascita della squadra che poi vinse la medaglia d'oro alle olimpiadi femminili di pallavolo a Tokyo 1964, nel primo anno in cui venne inserito questo riconoscimento. Le giocatrici furono reclutata in gran parte nel 1953 a Ōsaka. I responsabili della fabbrica tessile Nichibo, decisero di fare delle proprie operaie delle campionesse di pallavolo che fino ad allora si dilettavano a giocare nel dopolavoro. Tra queste le migliori vennero messe nelle grinfie di un terribile allenatore e inviate a Kaizuka, per formare la Nichibo-Kaizuka. Il coach si chiamava Hirofumi Daimatsu ex pallavolista della Kansai Gakuin University ed ex militare, ed era così severo e autoritario da meritarsi l’appellativo di "demonio", personaggio che ritroviamo nel cartone di Mimì. Non tutti sanno che il cartone tanto amato soprattutto dalle ragazzine degli anni’80, Mimì e la nazionale di pallavolo, è in realtà ispirato a questa storia vera che è tutto sommato edulcorata dal cartone. La realtà descritta da un cronista che assistì agli allenamenti è che le ragazze si allenavano 6 giorni su 7 dalle 16 a mezzanotte con 30 minuti di pausa. Ora arriva anche il documentario a raccontare questa leggendaria storia. 

 

 

 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su