Tutto News

Le peggiori pubblicità per San Valentino

Per spingere gli acquisti destinati a questa ricorrenza, le aziende a volte scelgono l’ironia. Ma il risultato è spesso deludente…

Il National Retail Foundation americano (l’associazione di categoria dei venditori al dettaglio) ha pronosticato una spesa pari a 17 milioni di dollari nella giornata di San Valentino, rendendo questa festività la seconda dopo Natale in termini di acquisti e regali. Di conseguenza, è naturale che le aziende decidano di investire in pubblicità dedicate alla giornata degli innamorati.

I classici doni del 14 febbraio? Articoli di gioielleria, lingerie, cioccolatini, fiori e cene al ristorante. Spesso accade che le aziende di questi settori scelgano per le loro pubblicità la strada dell’umorismo, che, se non riuscito, rende le loro campagne tra le peggiori. Secondo il magazine Business Insider, a San Valentino abbiamo gli esempi più lampanti delle peggiori comunicazioni commerciali.

In sostanza, per il mondo della pubblicità, questa ricorrenza è l’antitesi del Super Bowl (dove gli spot sono sempre attesi non solo dai pubblicitari, ma da tutto il mondo). Ecco la gallery che raccoglie tutti gli esempi di umorismo non proprio riuscito.

 

Interviste

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su