Music Biz

Jovanotti a 105 Friends: "Spiazzare fa parte del mio mestiere, altrimenti avrei fatto il geometra"

Il nuovissimo album "Oh, Vita" e le tante iniziative collaterali organizzate per il suo lancio sono state al centro della chiacchierata con Tony & Ross.


Inizio di settimana con il botto per 105 Friends! Tony & Ross hanno ospitato l'artista italiano del momento, l'eterno ragazzo Lorenzo Jovanotti. Il 1° dicembre è arrivato il suo nuovo album "Oh, Vita", disco anticipato dall'omonimo singolo e accompagnato da un sacco di iniziative collaterali che hanno trasformato questa nuova uscita discografica in uno degli eventi più attesi della fine del 2017.

Non a caso lo scorso 1° dicembre è stato ribattezzato Jova Day: oltre al disco, il cantautore romano ha inaugurato il "Jova Pop Shop", temporary shop aperto in piazza Gae Aulenti a Milano, ha pubblicato "Sbam!", libro a metà tra un diario di bordo che racconta la genesi del disco e una rivista ("una festa letteraria" l'ha definita lui); infine, è uscito un film sulla lavorazione del suo album, proiettato solo il 1° dicembre in una quarantina di cinema italiani.

Un disco spiazzante lo hanno definito Tony & Ross: "Spiazzare fa parte del mio lavoro - ha replicato Jova -, altrimenti farei il geometra. Questo è uno dei dischi più belli della mia vita. O perlomeno è uno dei dischi che mi è capitato di fare in cui mi sono sentito all'inizio di una storia. Volevo questo, cercavo questo ed è accaduto". 

Dopo il mastodontico "Lorenzo 2015 CC.", precedente disco composto da ben 30 pezzi, per "Oh, Vita" Lorenzo ha voluto sottrarre in termini quantitativi e aggiungere molto in termini di intensità. E il lavoro in questo senso accanto a un produttore di fama mondiale come Rick Rubin si sente: "Dal punto di vista artistico è una delle cose più incredibili mai successe. È un disco di canzoni, non di 'ideuzze' e di slogan. Rubin mi ha portato verso di me". Un ruolo quello di Rubin che ricorda quello avuto da Claudio Cecchetto, il produttore dietro a idee di "Gimme Five" e "Ciao Mamma", all'inizio della sua carriera: "Claudio è stato generosissimo nei miei confronti". 

Forse anche per questo assomiglia molto ai suoi dischi degli anni '90: "C'è un istinto molto forte, è un disco fatto in maniera volutamente rapida, come facevamo i dischi all'epoca. Come hashtag potrei dire #PochePippe. È un disco che va al sodo". All'interno di "Oh, Vita" si sente l'influenza di un certo Adriano Celentano: "Celentano è un mio punto di riferimento: quando faccio una canzone in cui c'è una melodia penso sempre a come la canterebbe lui". Un'influenza che è presenta dai tempi di "Ragazzo Fortunato": "Non ero abituato a cantare, facevo rap io. Quindi mi chiedevo 'come si fa a cantare?'".

Jovanotti ci ha spiegato anche come si sta preparando per l'impegnativo tour che lo attende nel 2018: un po' di lavoro aerobico, degli esercizi molto simili al Crossfit e anche un po' di Pilates. Nei prossimi appuntamenti live probabilmente "Oh, Vita" avrà poco spazio: "Del disco nuovo non so quanti pezzi farò dal vivo. Per questo nuovo tour che faremo nei palasport l'idea è di fare un festone". 

In evidenza

VIDEO

WEB RADIO

105 2k & More!
 
MUSIC STAR Ligabue
 
105 Trap
 
105 Story
 
105 Dance 90
 
Webradio 105 Rap Italia
 
105 Miami
 
MUSIC STAR Elisa
 
105 Hits
 
MUSIC STAR Coldplay
 
105 InDaKlubb
 
105 Classics
 
105 HipHop & RnB
 
MUSIC STAR Jovanotti
 
MUSIC STAR Vasco
 
Zoo Radio
 
Radio Bau & Co
 

Playlist tutte