Hai perso "105 Start-up!"? Riascolta la storia di Valeria Perdonò, co-founder del MENU DELLA POESIA

105 Start-up!

Hai perso "105 Start-up!"? Riascolta la storia di Valeria Perdonò, co-founder del MENU DELLA POESIA

Questa settimana ai microfoni di Radio 105, Valeria Perdonò, co-founder del MENU DELLA POESIA, un’originalissima realtà che, in epoca pre-covid, prevedeva iniziative in cui attori professionisti, vestiti da eleganti camerieri, proponevano una selezione di poesie a persone presenti in locali invitandoli a ordinare da un vero e proprio Menu.

Ogni Menu presenta un repertorio di Poesie edite di autori e autrici note, dai grandi classici della letteratura fino alla poesia contemporanea. Titoli divisi in categorie per soddisfare tutti i palati: dalle poesie de “la tradizione” a quelle “a lume di candela”, includendo anche poesie “ironiche”, le “piccantine”, brani dedicati alle “famiglie” e ai più piccoli, fino alla poesia “vernacolare” o straniera “in lingua originale” (Inglese, Francese, Spagnolo).

“Una volta consultato il repertorio poetico e scelta la poesia da gustare, la poesia veniva servita e recitata faccia a faccia” ci racconta Valeria.

La filosofia del progetto è infatti quella di portare la cultura in ambienti non convenzionali e in particolare nei luoghi in cui prendersi una pausa per mangiare qualcosa. In questi momenti perché non nutrire anche l’animo e l’intelletto con la Poesia, in modo interattivo e originale e smentire anche chi ancora afferma che “con la cultura non si mangia”?

“La poesia è il luogo della ricchezza linguistica e permette riflessioni profonde e come artisti ci sentiamo in dovere di farci strumento di questo patrimonio, valorizzarlo e renderlo ALLA PORTATA di tutti: la poesia può essere accessibile, divertente, emozionante e universale! si legge nella home page del sito www.ilmenudellapoesia.com.

Come molte delle realtà che raccontiamo a 105 START UP!, anche il MENU DELLA POESIA nel corso dell’ultimo anno, senza perdersi d’animo, ha dovuto adattarsi alle restrizioni e alla chiusura dei locali.

È così che il 16 marzo 2020 è nata l’iniziativa “CONTAGI diVERSI - Una poesia per farci compagnia” insieme a una raccolta fondi per l'Ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo. Questo è stato il modo del team del MENU DELLA POESIA di rispondere al lockdown, alla paura, all'isolamento, alla distanza, all'assenza di parole e contatti… Tramite il telefono, attraverso la voce, con il solo aiuto della parola poetica, gli attori del MENU DELLA POESIA sono riusciti a dare il loro contributo e diventare “il primo poetry delivery al telefono”, per accorciare le distanze, fare un regalo speciale continuare a diffondere poesia.

Le reazioni di stupore, commozione, felicità, gratitudine che la consegna suscita sono incredibili!

Se non l'hai mai provato, fai una sorpresa ad una persona cara, ordina per lei/lui una poesia dal MENU DELLA POESIA. Basta compilare il form presente sul sito, indicare nome, dedica, giorno del recapito e poi… attendere la CONSEGNA del Poetry Delivery: tutte le sere all’ora di cena, tra le ore 18:00 e le 21:00, gli attori e attrici/maitres consegneranno le portate poetiche recitandole al telefono alla persona a cui hai pensato, proprio come una consegna a domicilio che nutre lo spirito.

Regalare POESIE AL TELEFONO è anche un gesto di amore e resistenza culturale e civile, per continuare a diffondere bellezza, per creare ponti e accorciare le distanze, un gesto a sostegno dell’ambiente (visto che è un regalo totalmente ecologico) e un supporto a lavoratrici e lavoratori professionisti dello spettacolo.

Podcast

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su