Hai perso "105 Start-up!"? Riascolta la storia di Angelo Nodari, CEO & Co-Founder di PerPranzo

105 START-UP!

Hai perso "105 Start-up!"? Riascolta la storia di Angelo Nodari, CEO & Co-Founder di PerPranzo

PerPranzo è il primo servizio di “mensa diffusa” digitale che permette di ottimizzare i costi senza rinunciare ai buoni pasto e con una qualità migliore di una mensa aziendale.

“L’idea” - ci racconta Angelo Nodari, CEO & Co-Founder di PerPranzo - “è nata circa tre anni fa quando io, Marco e Fabio finito il dottorato di ricerca in computer science abbiamo iniziato a lavorare per un’azienda che ci ha erogato dei buoni pasto per la pausa pranzo…e dopo averli analizzati ci siamo accorti che erano fermi da un punto di vista tecnologico da parecchi anni. Allora ci siamo chiesti: perché non digitalizzarli? Da lì abbiamo cominciato a scavare sempre di più ed è nata poi l’idea di PerPranzo”, la prima startup italiana che permette ai dipendenti d’azienda di andare a pranzo con un’app nei ristoranti convenzionati e alle aziende di godere di vantaggi fiscali superiori a quelli dei buoni pasto.

PerPranzo sta dando un sostegno concreto anche al mondo della ristorazione: il vantaggio principale della startup infatti, è quello di abbattere le commissioni che hanno i ristoranti rispetto ai buoni pasto, che prima della pandemia arrivavano a 20-25% di commissione, riuscendo a lavorare con loro in alcuni casi anche a 0 commissioni. Così da una parte i ristoratori possono trarre vantaggio da uno strumento che li può aiutare a “riemergere” un po’ dopo i problemi vissuti in questi due anni di pandemia. Dall’altra parte, le aziende hanno questa defiscalizzazione importante che con i buoni pasto cartacei ed elettronici non sarebbe possibile ottenere.

Con PerPranzo inoltre, non esiste un limite di defiscalizzazione, quindi l’azienda può decidere di erogare ai propri dipendenti buoni pasto di importi superiori e di conseguenza anche i dipendenti possono aspirare ad un pranzo più dignitoso.

Ma come fa un ristorante o un’azienda ad aderire a PerPranzo?

E come funziona il pagamento tramite l’app?

“Sicuramente” – ci spiega Angelo – “rispetto a aderire a dei buoni pasto, il nostro sistema è molto più semplice perché è tutto dematerializzato e digitale. Il ristorante fa tutto attraverso il suo smartphone: scarica la nostra app, si registra e in tempo zero è attivo sul nostro portale e può già accettare i pranzi dei dipendenti delle aziende convenzionate nei dintorni. La stessa cosa vale per l’azienda: ci contatta dal nostro sito, effettua una pre-registrazione e dopodiché noi gli forniamo tutta l’infrastruttura in Cloud per la gestione del portale in cui possono inserire le anagrafiche ed in seguito mandiamo ad ogni dipendete un’e-mail per poter scaricare l’app ed entrare nel network. Fondamentalmente in 10 minuti siamo operativi!”.

 

Per saperne di più andate sul sito perpranzo.it, troverete tutti i riferimenti per poter effettuare la registrazione e scaricare l’app…il funzionamento poi è semplicissimo: il dipendente - una volta scaricata l’app perché l’azienda si è registrata - con il suo QR code va in qualsiasi ristorante convenzionato, lo mostra in cassa ed esce!

Podcast

Radio 105 sempre con te!

Disponibile su